EGITTO
ZERZURA DREAMING
VIAGGI FUORISTRADA 4X4

Dal 19 dicembre 2015 al 10 gennaio 2016

GRANDE E AMBIZIOSA SPEDIZIONE IN 4X4 NEL "CUORE" DEL DESERTO

… El Alamein, Siwa, Great sand sea, Silica glass, Wadi Hamra, Aqaba Pass, Gilf Kebir, grotta Mestikawy/Foggini, Wadi Sura con la grotta dei nuotatori, Jebel Uweinat, 8 Bells, Kamil crater, Abu Ballas, Dakhla, il Deserto Bianco, Baharya …

Siamo convinti che ciascuno di questi nomi, con le sue storie, le sue leggende, scateni in qualsiasi appassionato di deserto il desiderio di andarci.

Il fatto di averli tutti assieme diventa “il viaggio”!

E su tutto ZERZURA! E chissà che qualche evento improvviso e non preventivabile ce la mostrerà davanti…

“Fino a quando una qualunque parte del mondo rimarrà inesplorata, Zerzura sarà là, ancora da scoprire. Col trascorrere del tempo questa parte del mondo diverrà sempre più ristretta, più fragile e più particolare, ma sarà ancora li. Solo quando tutte le difficoltà di viaggio verranno superate, quando l'uomo potrà vagare a suo piacimento per periodi illimitati su tratti di territorio dove normalmente la vita non può esistere, allora Zerzura comincerà a decadere.

Forse verrà il tempo in cui tutta la superficie della Terra sarà stata visitata e studiata, quando nulla sarà rimasto ancora da scoprire. Fantastichiamo di poter immaginarci lo scavatore che rivolta col suo piccone l'ultimo scampolo di suolo non ancora esaminato. Dietro di lui intravediamo un gruppo di esperti, con microscopi e quaderni di appunti, mentre di fronte a lui, adesso molto vicine, si ergono le porte serrate delle mura nebulose della città.

Il piccone viene ritirato. E' giunto il tempo infine in cui gli esperti possono chiudere i loro quaderni di appunti poiché non rimane più nulla che non sia già stato trovato. Vediamo Zerzura crollare rapidamente in polvere. Piccoli uccelli si sollevano dal suo interno e volano via. Una nuvola copre il sole ed il mondo appare improvvisamente un luogo noioso ed incolore.“

La leggenda della città "perduta" di Zerzura, che appassionò viaggiatori ed esploratori tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento (ma la ricerca dell'oasi introvabile tuttora prosegue) prese corpo da un racconto arabo.

Nel Livre des perles enfouies et du mystère précieux, pubblicato nel 1907 tra centinaia di capitoli magicamente sospesi tra realtà e leggenda, un padre narra al figlio come trovare gli immensi tesori custoditi in una città perduta tra le sabbie del GSS, il cui nome è “Zerzura”, ovvero “l'oasi dei piccoli uccelli” (dall'arabo zerzur che designa un passeraceo da noi comunemente noto come culbianco).

Il racconto inizia con una descrizione dell'itinerario da percorrere per arrivare a Zerzura: poche righe ma sufficienti a scatenare la fantasia dei viaggiatori dell'epoca e le nostre di oggi.

§ 369. – La città di Warda

Nella città di Warda, situata dietro El-Qala a Essuri, voi vedrete delle palme, dei vigneti e delle sorgenti. Entrate nell’uadi e proseguite il cammino in salita; voi troverete un altro uadi che si estende verso l’ovest tra due montagne.

Da quest’ultimo uadi parte una strada che vi condurrà alla città di Zerzura, di cui troverete una porta sbarrata; essa è una città bianca come una colomba e sopra la sua porta è scolpito un uccello.

Prendete con la vostra mano la chiave che si trova nel becco dell’uccello, poi aprite la porta della città.

Entrate, e lì troverete grandi ricchezze, e anche il re e la regina che dormono nel loro castello. Non avvicinatevi a loro, ma prendete pure il tesoro. Fine.

I PRINCIPALI “NUMERI” DEL VIAGGIO

DURATA: 21 giorni e 20 notti in Egitto

NOTTI IN CAMPO: 16

NOTTI IN HOTEL: 4

AUTONOMIA: 2500 km di deserto (vedi capitolo dedicato ai consumi)

TIPOLOGIA DI DIFFICOLTÀ DI GUIDA: media

PER MAGGIORI INFORMAZIONI SULL' ITINERARIO, COSTI, MODALITA' DI ISCRIZIONE E PER SCARICARE IL PDF DEL PROGRAMMA CLICCARE QUI:
http://www.desartica.com/index.php/e...da-deserto-4x4