Iscriviti alla newsletter di Fuoristrada.it:  


Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: cambio lettera carrozzeria sul libretto

  1. #1

    Predefinito cambio lettera carrozzeria sul libretto

    ciao a tutti possiedo un ford f 150 4 posti immatricolato autocarro che uso per la mia attività artigiana!
    ho voluto informarmi tramite un mio cliente che è un vigile urbano,sulla possibilità di poter portare i miei famigliari con me,al contrario di tutte le dicerie sugli autocarri che non possono portare privati a bordo ;mi ha portato la copia di alcuni articoli che danno ad una certa categoria di autocarri la possibilità di trasporto persone private non inerenti alla attività professionale del proprietario!
    lui mi ha controllato il libretto di circolazione e i dati vanno tutti bene eccetto ,IL CODICE CARROZZERIA J2 CHE DEVE ESSERE OBBLIGATORIAMNETE "F0" .il mio è k9 che vuol dire autocarro con cassone a cabina aalungata! mentre in codice F0 è genericamente identificato come FURGONE! chiedo a chiunque ne sappia se andando in motorizzazione posso cambiare in codice k9 in f0 .
    grazie

  2. #2
    Iscrizione
    Nov 2000
    Fuoristrada
    vedi firma sotto! :)
    Città
    Sąmątørzä (TS)
    Messaggi
    5,757

    Predefinito

    Non credo proprio... quel codice credo derivi dalla fiches di omologazione del veicolo, e pertanto se chiedi che "trasformino" come per magia il tuo "double cab" in un "combi" rischi di farti ridere in faccia.

    E' una deroga per non far cadere nelle limitazioni i furgoni finestrati per (prevalente) trasporto persone.

    copioincollo da un forum di poliziotti:

    La lettera d) del 1° comma dell’articolo 54 del codice della strada definisce gli autocarri
    come “veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all'uso o al trasporto delle cose
    stesse”. Per questo motivo, la circolazione a bordo di un autocarro di persone estranee alle cose
    trasportate costituisce una violazione dell’8° comma dell’articolo 82 del codice della strada, per
    avere utilizzato un veicolo per una destinazione diversa da quella indicata nella carta di
    circolazione, cioè per il trasporto di persone anziché per il trasporto di cose.
    Dalla suddetta violazione consegue una sanzione pecuniaria (da 78,00 a 311,00 euro) e la
    sanzione accessoria della sospensione della carta di circolazione da uno a sei mesi. Se le persone
    trasportate, in particolare, vengono alloggiate nel cassone o nel vano comunque adibito al carico
    delle cose, occorre applicare la più severa sanzione pecuniaria prevista dal 9° comma dello stesso
    articolo (da 389,00 a 1.559,00 euro), oltre alla stessa sanzione accessoria della sospensione della
    carta di circolazione da uno a sei mesi.
    Con l’11° comma dell’articolo 35 del decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, convertito con
    modificazioni dalla legge n. 248 del 4 agosto 2006 (recante Disposizioni urgenti per il rilancio
    economico e sociale, per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonché
    interventi in materia di entrate e di contrasto all'evasione fiscale), è stata prevista una deroga alle
    disposizioni relative al trasporto di persone sugli autocarri e contenute nei precitati articoli 54 e 82
    del codice della strada, poiché viene previsto che “Al fine di contrastare gli abusi delle disposizioni
    fiscali disciplinanti il settore dei veicoli, con provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate,
    sentito il Dipartimento per i trasporti terrestri del Ministero dei trasporti, sono individuati i veicoli
    che, a prescindere dalla categoria di omologazione, risultano da adattamenti che non ne
    impediscono l'utilizzo per il trasporto privato di persone”.
    Il successivo provvedimento 6 dicembre 2006 dell’Agenzia delle entrate, reca appunto
    l’Individuazione dei veicoli che, a prescindere dalla categoria di omologazione, risultano da
    adattamenti che non ne impediscono l'utilizzo per il trasporto privato di persone, ai sensi
    dell'articolo 35, comma 11, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni,
    dalla legge 4 agosto 2006, n. 248.
    Tale provvedimento dispone che i veicoli a bordo dei quali, a prescindere dalla categoria di
    omologazione, è ammesso il trasporto indiscriminato di persone, cioè anche di coloro che non
    hanno alcun rapporto con le cose trasportate, sono quelli in cui sono soddisfatte, congiuntamente,
    tutte le seguenti condizioni:
    1) sono immatricolati o reimmatricolati nella categoria internazionale N1 (leggibile a fianco del
    codice armonizzato (J) nelle carte di circolazione di nuovo modello in formato A4), cioè sono
    adibiti al trasporto di cose ed hanno una massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5
    tonnellate;
    2) hanno un codice di carrozzeria F0 (“effe” e “zero”), leggibile a fianco del codice (J.2), cioè
    “furgone”;
    3) hanno 4 o più posti, come leggibile a fianco del codice (S.1);
    4) hanno un rapporto tra la potenza del motore, espressa in kW, e la portata del veicolo,
    espressa in tonnellate, uguale o superiore a 180, tenendo conto che la potenza è leggibile a fianco
    del codice (P.2) e la portata, ottenuta sottraendo la tara dalla massa complessiva a pieno carico, è
    solitamente indicata nelle annotazioni a pagina 3 della carta di circolazione.
    Il provvedimento dell’Agenzia delle entrate riporta anche la seguente formula da utilizzare per la
    determinazione del valore di riferimento:
    Pt (kW)
    I = --------------------- > o = 180 kW/t
    Mc - T (t)
    In seguito al suddetto provvedimento, l’Ufficio provinciale della Motorizzazione Civile di Bologna,
    ad esempio, ha diramato agli organi di polizia stradale operanti nella provincia la circolare n.
    3/2007 prot. 2241/002-2P.S. del 21 febbraio 2007, nella quale, dopo avere illustrato il contenuto
    della disposizione dell’Agenzia delle entrate, ha stabilito che “in caso di violazioni all’articolo 82
    del C.d.S. (e cioè il trasporto privato di persone su autocarri), applicherà il provvedimento in
    oggetto, per il quale, se sussisteranno le condizioni previste, procederà alla restituzione della carta
    di circolazione al legittimo intestatario senza emanare ordinanza di sospensione.”.
    Seguono due diversi esempi di carta di circolazione di autocarri classificati N1, con il codice di
    carrozzeria “F0” ed un numero di posti uguale o maggiore a 4.
    1) Nel primo documento la potenza è 82 kW e la portata 415 kg (quindi 0,415 tonnellate). Il
    rapporto 82 / 0,415 = 197,59, quindi un valore superiore a 180, per cui in tale autocarro è ammessa,
    in deroga alle disposizioni contenute negli articoli 54 e 82 del codice della strada, anche la
    destinazione per il trasporto di persone.
    2) Nel secondo documento la potenza è 69 kW e la portata 725 kg (quindi 0,725 tonnellate). Il
    rapporto 69 / 0,725 = 95,17, quindi un valore inferiore a 180, per cui in tale autocarro resta non
    ammessa la destinazione per il trasporto di persone.
    Felice possessore di Sportage 2.0 cabrio , offro da bere a chi incontro con un' auto come la mia, il che non capita mai

  3. #3

    Predefinito

    grazie ciao

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •