Iscriviti alla newsletter di Fuoristrada.it:  


Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Perdita acqua

  1. Predefinito Perdita acqua

    CIAO
    ho una perdita d'acqua,l'acqua scende da sotto i collettori di entrata e scarico,poi si deposita sulla marmitta e quando mi fermo,esce fumo biamco dal cofano.
    A fatica ho smontato il tubo ritorno acqua riscaldamento,dove nella parte imbocco tubo telato,era corroso,lo ho tagliato,rifatto il bordo,rimontato
    fanculo,esce ancora acqua.
    Purtroppo essendo in un punto molto scomodo,non riesco a vedere la perdita,sara' ancora il tubo,oppure da dove potrebbe uscire l'acqua?.
    metto la foto del tubo incriminato
    Immagine1.jpg

    Potreste dirmi oltre a questo tubo,da dove potrebbe uscire l'acqua ?'

    CIA CIAO

  2. Predefinito

    DIMENTICAVO

    MODELLO 1,7i del 2003 con impianto a gas

  3. Predefinito

    La butto lì: rubinetto riscaldamento rotto/tappato?

  4. Predefinito

    Forse la perdita arriva da dove sono innestati i tubi sul termostato ,quando si accendono le ventole del radiatore spingono l'acqua verso lo scarico, asciuga tutto con aria compressa a motore freddo , poi fa scaldare il motore a niva ferma e cofano aperto e vedrai da dove perde, non fare la prova viaggiando se no l'aria spinge la perdita in giro e fai confusione, controlla i due tubi che vanno dal motore al radiatore che devono essere caldi tutti e due quando la temperatura arriva a 90 e più gradi, se uno rimane freddo hai il termostato vicino alla testa che non si apre e manda l'acqua in pressione causando la perdita, può succedere una volta e poi mai più oppure a momenti alterni, se capita cambialo senza indugio,pulisci lo sfiato del tappo radiatore , accertati che le ventole partano tutte e due, a volte il termostato vicino alla testa tarda qualche istante ad aprirsi e permettere all'acqua di girare e a raffreddarsi, la pressione interna aumenta e spinge fino a trafilare sui punti di tenuta più deboli che sono i tubi in gomma , gocce cadono proprio sopra l'alternatore o alla pompa dell'acqua ....poi le ventole quando partono fanno il resto e a guardare ci si spaventa anche se la perdita è minima.Soluzione: mezzo litro di acqua e uno di antigelo ( non un litro di acqua e uno di antigelo) così resiste meglio alle alte temperature ed essendo più denso è meno facile che trafili sui tubi e sui paraolio della pompa, lubrifica meglio il termostato testa all'apertura e chiusura, meno evaporazione, pulizia radiatore esterna con aria compressa ogni mese, fascette decenti sui serraggi tubi, pulizia sfiato tappo vaschetta radiatore,consiglierei la costruzione di un carter in rame da applicare sopra all'alternatore utilizzando la vite de regolazione dello stesso in modo da impedire a eventuali perdite di liquido di infiltrarsi dentro alle fessure dell'alternatore con ovvie conseguenze sulla carica e sulla sua durata( in rame con spessore di un mm facile da forare e piegare ).

  5. Predefinito

    RISOLTO
    ERA LA SALDATURA DELL'AGGANCIO ( quella dove in foto ho scritto saldatura a rischio )

  6. Predefinito


  7. Predefinito

    Siete d'accordo se pubblico il problema/soluzione sul sito di riferimento?
    mi sembra interessante consolidarlo nella "enciclopedia" della Niva...
    Luigi

  8. Predefinito

    Intendi Nivaforever? Io penso che qualsiasi scambio di esperienze e conoscenze sia positivo,soprattutto se archiviato in maniera facilmente rintracciabile

  9. Predefinito

    Pubblica pubblica

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •