Iscriviti alla newsletter di Fuoristrada.it:  


Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21

Discussione: Ho quasi deciso, la vendo...

  1. #1

    Predefinito Ho quasi deciso, la vendo...

    Ciao ragazzi, da tempo sto cercando di riorganizzare il mio stile di vita, per chi mi conosce sa che, da cittadino stressato milanese, sono andato ad abitare in una casa (vecchio rustico ristrutturato) in mezzo ad un bosco, completamente ecologica (generatore eolico/pannelli solari/stufa a legna, etc...). Fin che l'economia regge, e in qualche modo ii mio lavoro mi da il minimo per sopravvivere, continuo ad aprire la serranda del mio negozio, ma di questo passo coltivo seri dubbi che questo andazzo possa portare a miglioramenti, anzi...
    Ho acquistato la mia Niva nel 2012 (nuovo modello 4x4M), l'adoro, le ho sempre dato tutte le cure che merita, ma da tempo mi sta sempre più balenando l'idea di vendere la mia fedele bestiaccia, sostituendola con, udite, udite, un'auto elettrica!!!
    Già, proprio così, un'auto completamente elettrica, la ricarica costa meno di 1 euro e, a casa mia dove l'energia elettrica è gratis neanche quello, ci percorro più di 100Km con un pieno di batterie (al litio ultimissima tecnologia con 3000 cicli di ricarica, in pratica le batterie ti durano 10 anni...!!!), esenzione bollo per 5 anni ed assicurazione scontata del 50%.
    Oggi come oggi, dove uso la Niva in pratica tutti i giorni per andare al lavoro e tornare ho fatto il calcolo che tra benzina, manutenzione etc... mi partono all'anno circa 6.000 euro!!!!, contro i circa 400 euro di un'auto elettrica...
    Ok, non avrò più le ridotte, ne il blocco per togliermi da eventuali impacci, ma sinceramente, oltre a non averne mai fatto uso, la differenza di prezzo non trova riscontro oggettivo.
    Comunque, per farla breve, ieri ho messo in vendita la mia adorata e. dato che il caso non esiste, se la vendo saprò già con cosa l'andrò a sostituire.
    Buona Niva a tutti!!!!

    Ric

  2. Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da lada4x4m Visualizza Messaggio
    Ciao ragazzi, da tempo sto cercando di riorganizzare il mio stile di vita, per chi mi conosce sa che, da cittadino stressato milanese, sono andato ad abitare in una casa (vecchio rustico ristrutturato) in mezzo ad un bosco, completamente ecologica (generatore eolico/pannelli solari/stufa a legna, etc...). Fin che l'economia regge, e in qualche modo ii mio lavoro mi da il minimo per sopravvivere, continuo ad aprire la serranda del mio negozio, ma di questo passo coltivo seri dubbi che questo andazzo possa portare a miglioramenti, anzi...
    Ho acquistato la mia Niva nel 2012 (nuovo modello 4x4M), l'adoro, le ho sempre dato tutte le cure che merita, ma da tempo mi sta sempre più balenando l'idea di vendere la mia fedele bestiaccia, sostituendola con, udite, udite, un'auto elettrica!!!
    Già, proprio così, un'auto completamente elettrica, la ricarica costa meno di 1 euro e, a casa mia dove l'energia elettrica è gratis neanche quello, ci percorro più di 100Km con un pieno di batterie (al litio ultimissima tecnologia con 3000 cicli di ricarica, in pratica le batterie ti durano 10 anni...!!!), esenzione bollo per 5 anni ed assicurazione scontata del 50%.
    Oggi come oggi, dove uso la Niva in pratica tutti i giorni per andare al lavoro e tornare ho fatto il calcolo che tra benzina, manutenzione etc... mi partono all'anno circa 6.000 euro!!!!, contro i circa 400 euro di un'auto elettrica...
    Ok, non avrò più le ridotte, ne il blocco per togliermi da eventuali impacci, ma sinceramente, oltre a non averne mai fatto uso, la differenza di prezzo non trova riscontro oggettivo.
    Comunque, per farla breve, ieri ho messo in vendita la mia adorata e. dato che il caso non esiste, se la vendo saprò già con cosa l'andrò a sostituire.
    Buona Niva a tutti!!!!

    Ric
    NOOOH!
    Ora che hai messo pure i finestrini scorrevoli...!
    Scherzi a parte rispetto le decisioni di tutti, degli amici ancora di più, tanto anche con l'auto elettrica Nivisti si rimane.

    Mi chiedo se la strada nel bosco sia adatta ad un'auto elettrica, ma presumo di si dovrebbe avere una buona coppia...
    Comunque facci sapere anche gli sviluppi..Ovvero quale marca modello?
    O hanno appena fatto una Niva elettrica e non ce lo dicevi?
    ciao
    Luigi

  3. #3
    Iscrizione
    Dec 2009
    Fuoristrada
    jimmy
    Città
    Terricciola città del vino
    Messaggi
    340

    Predefinito

    quando sento queste cose....
    lada guarda avanti e non ti curar di loro!

    per carità ognuno è libero di farsi i conti propri, e siam qui per parlare col cuore in mano, però questi conti penso tu li avessi gia fatti al momento dell' aquisto, quindi..... non mentire a te stesso e vendila ma .... non ci sarà risparmio che tenga per giustificare il cambio.
    se la niva si guarda con gli occhi del risparmio, allora non va guardata .... e se siamo in un brutto momento(come tutti!)...si tira avanti .
    si dice nella buona e nella cattiva sorte, nella gioia e nel dolore.... amen.

    ti auguro solo ,prima di tutto, di risolvere questi momenti grigi.. buona fortuna per il tuo cammino!

    saluti
    Federico

  4. Predefinito

    Al buon senso non passa davanti niente,6000 euro l'anno son davvero troppi per una sola vettura,è il triplo di quello che spendo io per la mia in un anno , e poi l'elettrico sta gia avanzando, insomma non è la NIVA in se che costa ma il prezzo del carburante, assicurazione e bollo ,e poi sai come si dice ....cè un tramonto per tutto....

  5. Predefinito

    Mi spiace che tu debba rinunciare alla tua Nova dopo così poco tempo...
    Quanti km fai in un anno? Prendi un ibrida o pura elettrica? Hai una seconda auto?

  6. Predefinito

    A dimostrazione di quello che sostengo da sempre:
    la NIVA non è una macchina economica nè facile da gestire. Costa tanto all'acquisto, consuma un tot, non è vero che i ricambi si trovano bene(se non non ci rivolgeremmo ai tedeschi) richiede una discreta conoscenza di meccanica automobilistica
    La si compra con il cuore e non con il cervello.
    Ho 22 anni di niva e quasi 400.000 km di niva sotto al sedere(ovviamente non con una vettura sola ma con tre).
    Piuttosto vendo la moglie e la suocera(soprattutto) ma la mia nivetta mai.
    In ogni caso"morto il Re, viva il RE".
    Buona fortuna Ric.

  7. Predefinito

    augurandoti ogni bene con la nuova vettura elettrica, ti chiedo solo di provarla prima per qualche giorno, a casa mia ne hanno portata una, una smart, elettrificata da una ditta modenese, che da modena a savignano kilometri 25, con un chilometro di salita in forte pendenza, ha scaricato completamente gli accumulatori, risultato, l'addetto al test si è fatto venire a prendere e nottetempo gli ho caricato la batteria...non so se mi spiego. auguri e buona strada.

  8. Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da alexanca Visualizza Messaggio
    A dimostrazione di quello che sostengo da sempre:
    la NIVA non è una macchina economica nè facile da gestire. Costa tanto all'acquisto, consuma un tot, non è vero che i ricambi si trovano bene(se non non ci rivolgeremmo ai tedeschi) richiede una discreta conoscenza di meccanica automobilistica
    La si compra con il cuore e non con il cervello.
    Ho 22 anni di niva e quasi 400.000 km di niva sotto al sedere(ovviamente non con una vettura sola ma con tre).
    Piuttosto vendo la moglie e la suocera(soprattutto) ma la mia nivetta mai.
    In ogni caso"morto il Re, viva il RE".
    Buona fortuna Ric.
    QUoto,
    ieri sono salito in auto di una amico una dahjatsu Therios ultimo modello.... mi è sembrata un'astronave, tutto automatico ( anche il cambio) Ma me la sono immaginata addosso e mi sono sentito male...
    Quando penso a cambiare la Niva penso ad un defender degli anni '90 ex telecom o enel
    Ogni mattina ne vedo uno della Provinciale e la sua altezza da terra la spartanità ( ha i fari tondi credo uguali alla Niva)
    me lo fanno immaginare arrampicarsi per la mulattiera che devo fare per andare in montagna...
    Ma come ho già detto come ci giro in città?
    La Niva è una 127 quando è in città ma un piccolo defender quando è fuoristrada.
    Mi sta deludendo solo la fragilità dei supporti differenziali anteriori, ma ho il kit per il supporto indipendente ( stile diesel) e prima o poi lo faccio montare...
    Io ho il GPL, (ho messo il flashlube per salvare le valvole), e non mi sembra di consumare tantissimo sono 8KM medi a litro quindi 10cent a KM in media...
    Rispetto le decisioni, ripeto, non escludo che possa succedere a chiunque di noi per motivi diversi.
    Non siamo talebani della Niva in fondo.

  9. #9

    Predefinito

    La mia Niva è parte di me e, come penso per la maggior parte di voi, faccio veramente fatica a pensare di non averla più. Grazie a lei, e agli amici di questo forum, ho imparato a sporcarmi le mani nel suo motore, a capirne la sua "salute" da impercettibili rumori meccanici, adorandola ed odiandola allo stesso tempo.
    La Niva per dove vivo io è l'ideale, soprattutto nei periodi freddi, anche se da quando l'ho acquistata devo dire che ancora non c'è stato motivo (in senso climatico) per constatarne le reali potenzialità.
    In un anno percorro circa 35.000 Km e quasi tutti per recarmi al lavoro e fare ritorno a casa, in totale quotidianamente sono 65 Km! Il che significa che con una percorrenza media di 11,5 Km/l di benzina (ho una guida molto attenta e tranquilla), ogni giorno consumo 5,6 litri pari ad una spesa media di circa 10 euro al giorno!!!
    In aggiunta a questo ci sono altre spese varie di percorrenza e quelle necessarie per il suo mantenimento che conosciamo bene.
    Fossero tempi diversi, sostenere questi costi, non sarebbe stato per me un problema, ma oggi (come penso anche per alcuni di voi) con questa situazione economica che, a mio avviso, non vede via di uscita, è doveroso "tagliare" le spese.
    In famiglia abbiamo anche un'altra auto (è di mia moglie), una Kia Sportage 4x4 2.000cc diesel del 2005, acquistata usata nel 2013, un'astronave rispetto alla Niva, solo che lì le mani nel motore non riesco proprio a mettercele (come riesco invece a fare con il mio ferro sovietico), non arrivo a tanto...
    E' da un pò di tempo che penso all'auto elettrica come ottima soluzione per ottenere un concreto risparmio; da qualche tempo, con scadenza annuale, vengono introdotti degli incentivi statali sull'acquisto di auto ecologiche, con alimentazione a metano, gpl, ibride ed elettriche.
    Per quanto riguarda quest' ultime, sappiamo che ancora i costi di acquisto sono più elevati rispetto ad una corrispettiva auto a combustione interna, ma tra un incentivo ed, in alcuni casi, la possibilità di noleggiare il pacco batterie, il prezzo finale non si discosta più di tanto.
    Se poi si considera che paragonando i costi di gestione, di un' auto elettrica rispetto ad una city car tradizionale, sono 10 volte inferiori (se non di più tenendo presente che un motore elettrico è praticamente esente da manutenzioni e può fare tranquillamente 1 milione di chilometri...!), a conti fatti, nel lungo corso della vita di un'auto, il risparmio in denaro è veramente notevole.
    Ovviamente sto parlano di auto da usare solo ed esclusivamente in città, questo perchè, come ben sappiamo, gli attuali accumulatori non permettono percorrenze chilometriche continue superiori a 150 Km. nella migliore delle ipotesi, tranne per particolari auto elettriche che, viceversa, riescono a raggiungere distanze vicine ai 300Km. (vedi Tesla model S), anche se qui siamo su tutto un altro pianeta.
    L'auto elettrica che vorrei comprare io è biposto, omologata come quadriciclo pesante, con batterie agli ioni di litio alle terre rare (ultima generazione e garantite per 3000 cicli di ricarica), velocità massima intorno agli 80 Km/h, autonomia di 120Km., completa di diversi optionals e, soprattutto, italiana, esiste, ma, per ovvi motivi, non voglio e non posso fare pubblicità qui sul forum.
    Il prezzo con gli attuali incentivi è di circa 12.000 euro (con le batterie di proprietà e non a noleggio), escluso assicurazione (che è del 50% in meno rispetto la stessa tipologia di auto tradizionale) ed immatricolazione.
    Ovvio che ha dei limiti strutturali rispetto alla Niva, e non solo verso quest' ultima, ma oggettivamente i vantaggi in termini economici, come ho già detto, prevalgono a mio avviso su qualsiasi paragone, soprattutto in virtù del fatto che quest' auto io la userei per recarmi al lavoro o per andare a fare la spesa giù in città. Per i lunghi viaggi c'è l' auto di mia moglie.
    Per ultimo, il mio spirito ecologico che condiziona poi questa scelta, ma qui andiamo su tutto un'altro discorso che non trova ragioni logiche sulla scelta del tipo di auto...

    Buona Niva a tutti.

    Ric

    P.S. 1 : Non per fare pubblicità, ma per chi volesse vedere la mia Niva la può trovare sul noto sito autos....24

    P.S. 2 : Rimpiango di non avere mai fatto una "nivabirrata" insieme ad alcuni di voi, ma non è detta l'ultima parola, visto che ancora non l'ho venduta...

  10. Thumbs up

    Citazione Originariamente Scritto da lada4x4m Visualizza Messaggio
    La mia Niva è parte di me e, come penso per la maggior parte di voi, faccio veramente fatica a pensare di non averla più. Grazie a lei, e agli amici di questo forum, ho imparato a sporcarmi le mani nel suo motore, a capirne la sua "salute" da impercettibili rumori meccanici, adorandola ed odiandola allo stesso tempo.
    La Niva per dove vivo io è l'ideale, soprattutto nei periodi freddi, anche se da quando l'ho acquistata devo dire che ancora non c'è stato motivo (in senso climatico) per constatarne le reali potenzialità.
    In un anno percorro circa 35.000 Km e quasi tutti per recarmi al lavoro e fare ritorno a casa, in totale quotidianamente sono 65 Km! Il che significa che con una percorrenza media di 11,5 Km/l di benzina (ho una guida molto attenta e tranquilla), ogni giorno consumo 5,6 litri pari ad una spesa media di circa 10 euro al giorno!!!
    In aggiunta a questo ci sono altre spese varie di percorrenza e quelle necessarie per il suo mantenimento che conosciamo bene.
    Fossero tempi diversi, sostenere questi costi, non sarebbe stato per me un problema, ma oggi (come penso anche per alcuni di voi) con questa situazione economica che, a mio avviso, non vede via di uscita, è doveroso "tagliare" le spese.
    In famiglia abbiamo anche un'altra auto (è di mia moglie), una Kia Sportage 4x4 2.000cc diesel del 2005, acquistata usata nel 2013, un'astronave rispetto alla Niva, solo che lì le mani nel motore non riesco proprio a mettercele (come riesco invece a fare con il mio ferro sovietico), non arrivo a tanto...
    E' da un pò di tempo che penso all'auto elettrica come ottima soluzione per ottenere un concreto risparmio; da qualche tempo, con scadenza annuale, vengono introdotti degli incentivi statali sull'acquisto di auto ecologiche, con alimentazione a metano, gpl, ibride ed elettriche.
    Per quanto riguarda quest' ultime, sappiamo che ancora i costi di acquisto sono più elevati rispetto ad una corrispettiva auto a combustione interna, ma tra un incentivo ed, in alcuni casi, la possibilità di noleggiare il pacco batterie, il prezzo finale non si discosta più di tanto.
    Se poi si considera che paragonando i costi di gestione, di un' auto elettrica rispetto ad una city car tradizionale, sono 10 volte inferiori (se non di più tenendo presente che un motore elettrico è praticamente esente da manutenzioni e può fare tranquillamente 1 milione di chilometri...!), a conti fatti, nel lungo corso della vita di un'auto, il risparmio in denaro è veramente notevole.
    Ovviamente sto parlano di auto da usare solo ed esclusivamente in città, questo perchè, come ben sappiamo, gli attuali accumulatori non permettono percorrenze chilometriche continue superiori a 150 Km. nella migliore delle ipotesi, tranne per particolari auto elettriche che, viceversa, riescono a raggiungere distanze vicine ai 300Km. (vedi Tesla model S), anche se qui siamo su tutto un altro pianeta.
    L'auto elettrica che vorrei comprare io è biposto, omologata come quadriciclo pesante, con batterie agli ioni di litio alle terre rare (ultima generazione e garantite per 3000 cicli di ricarica), velocità massima intorno agli 80 Km/h, autonomia di 120Km., completa di diversi optionals e, soprattutto, italiana, esiste, ma, per ovvi motivi, non voglio e non posso fare pubblicità qui sul forum.
    Il prezzo con gli attuali incentivi è di circa 12.000 euro (con le batterie di proprietà e non a noleggio), escluso assicurazione (che è del 50% in meno rispetto la stessa tipologia di auto tradizionale) ed immatricolazione.
    Ovvio che ha dei limiti strutturali rispetto alla Niva, e non solo verso quest' ultima, ma oggettivamente i vantaggi in termini economici, come ho già detto, prevalgono a mio avviso su qualsiasi paragone, soprattutto in virtù del fatto che quest' auto io la userei per recarmi al lavoro o per andare a fare la spesa giù in città. Per i lunghi viaggi c'è l' auto di mia moglie.
    Per ultimo, il mio spirito ecologico che condiziona poi questa scelta, ma qui andiamo su tutto un'altro discorso che non trova ragioni logiche sulla scelta del tipo di auto...

    Buona Niva a tutti.

    Ric

    P.S. 1 : Non per fare pubblicità, ma per chi volesse vedere la mia Niva la può trovare sul noto sito autos....24

    P.S. 2 : Rimpiango di non avere mai fatto una "nivabirrata" insieme ad alcuni di voi, ma non è detta l'ultima parola, visto che ancora non l'ho venduta...

    se è questo quello che ti serve ora fai bene,e senza rimpianti.......poi niente è definitivo,anzi,e forse ci sarà un giorno che tornerai a sceglire la niva.la vita segue strani percorsi.
    Se poi ti va dispensaci ancora della tua conoscienza e del tuo sapere.ne abbiamo ben bisogno.
    ciao
    Nivantropo

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •