RAINFOREST CHALLENGE SOUTH EUROPE 2016 (RFC)

0

Non poteva esserci giornata migliore per festeggiare l’inizio della gara, un fine settimana di bel tempo ha accolto vecchi amici e nuovi appassionati di avventura in 4×4. Un centro commerciale…. insolita location per il prologo di off road, ma che si è rivelata davvero una bella idea, apprezzata anche dal dal pubblico accorso, allestita dallo staff del FLS 4×4 in stile malesiano, il tutto accompagnato dalla diretta e dallo speaker di Radio Punto Zero. Questa insolita location ha sorpreso anche Luis Wee, patron della RFC, che ne è rimasto entusiasta. La classifica del Prologo ha premiato il team che meglio si è saputo districare nelle varie prove stravolgendo ogni pronostico. Siamo certi che la formula darà una nuova impronta per le successive edizioni. Sabato 27 giugno si entra nel vivo del Rainforest Challenge South Europe,  dopo il riordino, presso l’Azienda Agricola Ca’ di Bon,  i concorrenti sono entrati nell’ area boschiva dell’Azienda Agricola Perusini sempre di Corno di Rosazzo (UD). Qui gli equipaggi hanno dovuto lottare strenuamente per superare gli ostacoli naturali costituiti da ripide pareti rocciose e viscide, fango, canaloni, guadi, un tracciato ad anello da percorrere più volte in un tempo massimo imposto e qui si è messa in evidenza la sportività e la collaborazione fra i team, una delle principali regole imposte dal regolamento. Anche gli equipaggi meno esperti hanno dato prova di gran tenacia e sportività. Non sono mancati i colpi di scena con ribaltamenti e laterali da brivido, dove la sicurezza e la preparazione dei mezzi hanno dato modo agli equipaggi coinvolti di ripartire senza patire danni. In particolare, ha dato spettacolo il team SRM su Toyota BJ di Andrea Giaccaglia navigato da Luca Gresta.

La terza ed ultima giornata di questa prima tappa italiana del RFC Global Series ha visto gli equipaggi confrontarsi in una veloce sfida a cronometro nel greto del fiume Torre, dove, fino all’ultimo, la classifica poteva essere rielaborata. In questa prova è stato il Wrangler di Sergio Moccia, sempre per il Team SRM,  a far “scaricare i rullini” con una splendida impennata e rimessa in gara del veicolo.Terminate le prove, la comitiva rienta al “campo base” per le premiazioni. Sul gradino più alto del podio vediamo l’equipaggio del Team SRM Alessandro Guidoni/Sergio Moccia  su Jeep Wrangler; sul secondo gradino del podio sale l’equipaggio composto da Andrea Giaccaglia e Luca Gresta su Toyota BJ sempre del Team SRM, provenienti entrambi da Roma. Terzo classificato l’equipaggio veneto del Team Omega composto da Alessio Marchiori e Moreno Segat ritardati da 2 forature. Seguono in classifica il friulano Team Rocky su Cj3 ed il Team Piccoli su Toyota proveniente da Varese, peccato per il secondo equipaggio del Team Omega formato da Re Manuel e Thomas Tonicello, entrambi friulani, che non hanno terminato la gara.

Oltre alla presenza del patron del Rain Forest Challenge Luis Wee, graditissima è stata la visita della “Lady offroad” Francoise di Euro4x4parts, che ben gradisce questo genere di competizioni. Tra il pubblico accorso è stato un piacere ritrovare anche una “vecchia gloria” del RFC, il veronese Sandro Signorini, uno degli italiani che ha affrontato la sfida nella vera giungla malese e da allora continua a seguire la “grande famiglia del Rainforest Challenge.” Chiusura in grande stile nel primo pomeriggio con la premiazione dei vincitori presso il centro commerciale TIARE, dove i partner Ca’ di Bon e Morgante hanno deliziato i palati dei presenti con prodotti tipici friulani. Un doveroso ringraziamento agli Enti preposti allo svolgimento della manifestazione, al Tiare Shopping per la disponibilità delle aree,  alla collaborazione logistica dell’Azienda Agricola Ca’ di Bon e di Perusini, a tutti i Partner presenti ed ai Magazine che ci hanno offerto visibilità, allo Staff che ha lavorato in questa 3giorni di gara, sopportando il caldo, la fatica e i tempi. L’organizzazione dell’Fls 4×4 confida di poter offrire una prossima edizione ancora più interessante con percorsi adatti al numero di equipaggi iscritti ed con un programma intenso come il Rainforest Challenge richiede.

Valuta questo articolo


Comments are closed.