CITTÀ DI GRADISCA 2016

0

Il raduno internazionale 4×4 Città di Gradisca è alla sua 32^ edizione. Dai 30 fuoristrada nella prima edizione dell’85 si è arrivati ai 624 equipaggi dello scorso; in tutto 16.862 equipaggi possono dire “a Gradisca c’ero anch’io”, un evento già riportato nei “Guinness dei primati”. Gradisca propone un fuoristrada semplice, divertente ed alla portata di tutti ma con un pizzico di avventura, qualche emozione nei passaggi più impegnativi e piacevoli sensazioni vissute in compagnia, il tutto gustando i prodotti tipici del luogo. Al via ci si può presentare con qualsiasi fuoristrada, da quelli storici ai più recenti modelli, da quelli superpreparati agli sport-utility (che possono scegliere un diverso percorso, a loro specificatamente dedicato, bello e panoramico). Al Gradisca partecipano equipaggi eterogenei, molte famiglie al gran completo, genitori con bambini in tenera età e veterani del fuoristrada, tutti insieme, appassionatamente, a celebrare la propria giornata “off-road”. Nella cittadina isontina non si parlerà solo italiano; sono tanti, infatti, i partecipanti che vengono dall’estero, in special modo dalla Mitteleuropa che nel Friuli Venezia Giulia ha ancora diversi cenni architettonici e culturali. Il programma predisposto questo anno dagli organizzatori del “G.F.I. Alpe Adria off-road”, non si discosterà molto da quello delle precedenti edizioni del raduno, ma sarà ancora più ampio.

Il parcheggio dei 4×4 nella grande piazza di Gradisca d’Isonzo avrà inizio nel pomeriggio di venerdì 9 dicembre per poi completarsi nella prima mattinata di sabato. Completate le modalità d’iscrizione nella sala Bergamas (che inizieranno dal giovedì pomeriggio fino alla tarda mattinata di sabato), il semaforo verde scatterà alle 8.30 con il taglio inaugurale della manifestazione da parte delle Autorità locali. Piano, piano dalla rampa di partenza incominceranno a scendere i fuoristrada che prenderanno la via loro indicata dal road-book, solitamente di facile lettura e a prova di “principiante” (perché sono sempre molti quelli che scelgono Gradisca per il loro battesimo in 4×4). Senza alcun tempo da rispettare, privi dall’assillo di competere, tutti avranno a loro disposizione un semplice tracciato iniziale unico di una decina di km. che poi si dividerà tra “turistico” e “impegnativo”. Il primo sarà un percorso dalle caratteristiche spiccatamente turistiche e indicato ai suv che di anno in anno incrementano costantemente la loro quota di presenza al raduno. Il tracciato (circa 120 km indicati sui fogli bianchi del road-book) dalla città isontina si estenderà verso il Collio e le valli del Judrio e Natisone con una piccola deviazione oltreconfine, in Slovenija il cui ingresso è assolutamente “free”; il ferreo confine del dopoguerra è solamente un lontano ricordo. Si tratta di un percorso scorrevole e panoramico particolarmente indicato anche a chi è alle prime armi nel mondo del 4×4. Ci saranno solamente qualche possibilità, a libera scelta del partecipante, di addentrarsi in alcune “varianti” leggermente impegnative che poi ricondurranno il partecipante sempre al percorso turistico.

Gli amanti dell’off-road “duro e puro”, com’è nella maggior parte dei casi di chi partecipa al Gradisca, potranno invece optare per dei tracciati più impegnativi. Faranno parte del road-book a fogli gialli, integrato da diverse varianti ancora più “toste” opportunamente segnalate nel grado di difficoltà per mettere in evidenza quali caratteristiche e capacità debbano avere non solo i 4×4 ma soprattutto i loro piloti per affrontare greti di torrenti, guadi, fangaie e piste di bosco. Nulla di proibitivo però, il raduno non è assolutamente una prova di extreme, ma prima di affrontare le varianti (indicate su altre pagine colorate dei road-book) è bene conoscere gli aspetti fondamentali della guida 4×4 cui va aggiunta una sempre giusta dose di prudenza. I veicoli non richiedono preparazioni particolari, non sono necessari snorkel e verricelli perché i percorsi sono tenuti aperti per le caratteristiche di qualsiasi fuoristrada tradizione anche se uscito il giorno prima dal concessionario, ma non bisogna farsi prendere la mano e soprattutto il piede dall’euforia della giornata e non scordarsi delle raccomandazioni sulle norme fondamentali della guida sicura. Inoltre, come tradizione del raduno, tutti i percorsi, sia quello turistico che quello impegnativo, saranno bonificati con il taglio degli arbusti sporgenti in modo da non rovinare le carrozzeria del 4×4, anche se di notevoli dimensioni. Oltre alle colazioni in piazza prima del via che sarà dato dalle ore 08.30 da Miss Friuli Venezia Giulia 2016, saranno non meno di tre le soste ristoro lungo i percorsi con degustazione dei tradizionali prodotti agresti del Friuli e dell’Isontino. Come sempre nei raduni del G.F.I., non sarà necessario rispettare alcun tempo di percorrenza; anzi, per la buona riuscita della manifestazione e dell’immagine stessa di tutto il mondo fuoristradistico, gli organizzatori raccomandano la dovuta e necessaria moderazione nelle velocità di marcia lungo i percorsi, in particolare nei luoghi abitati o in presenza di persone a piedi o mountain-bike. Nel tardo pomeriggio è previsto il ritorno a Gradisca. Nella sala Bergamas ci saranno le premiazioni dei club partecipanti e delle varie prove a carattere culturale per le quali sono in palio diversi e interessanti premi. Per tutti ci saranno la targa ricordo della manifestazione, il diploma con la foto e il filmato in DVD del raduno che sarà inviato nei primi mesi del 2017. Il costo di partecipazione è di € 150,00 ad equipaggio, tasse comprese, qualunque sia il numero dei suoi componenti. Come già predisposto negli ultimi anni, in caso di fortissimo maltempo, il raduno potrebbe subire un rinvio (imposto in sede di rilascio dei permessi), al dicembre dell’anno successivo con comunicazione pubblicata sui siti www.gradisca4x4.com, www.gfi4x4.it, www.fuoristrada.it facebook Gradisca4x4 entro martedì 6 dicembre.

Pertanto, è consigliabile, nelle prenotazioni alberghiere prendere accordi diretti anche per una eventuale sospensione della manifestazione. Per ampliare l’offerta conoscitiva del territorio in cui si svolge il raduno, l’organizzazione ha preparato anche dei piccoli programmi storico-culturali-gastronomici nelle giornate del 9 e 11 dicembre con accesso tramite informazioni e prenotazioni sui siti della manifestazione. Ci sarà la possibilità di visite guidate ai siti della prima guerra mondiale, con piccolo e semplice tour in off-road, nonché di visitare un prosciuttificio e degustarne i prodotti.

Sponsor ufficiali della manifestazione sono: Jeep, BF Goodrich e Mobil 1; presenti anche i marchi Lubriservice, Fiorese Group, Dentesano, Cassa Rurale ed Artigiana di Lucinico Farra e Capriva, Off Road, ZC 4×4, Elicar, Avis, nonché quelli istituzionali come Regione Friuli Venezia Giulia, Fondazione Carigo, Turismo FVG, Province di Gorizia e di Udine, nonché i Comuni di Buttrio, Campolongo-Tapogliano, Capriva del Friuli, Corno di Rosazzo, Dolegna del Collio, Gradisca d’Isonzo, Manzano, Mossa, Pavia di Udine, Premariacco, Prepotto, Remanzacco, Ruda, San Floriano del Collio – Občina Števerjan, San Giovanni al Natisone, San Lorenzo Isontino, San Vito al Torre, Stregna, Trivignano Udinese.

Per informazioni: tel.-fax 0481-960860, cell. 347-5384222, 347-8955598, 338-6002790, +39 348-5251632

e-mail info@gfi4x4

Orange-Share-Icon Vuoi vedere l’evento che hai organizzato o al quale hai partecipato pubblicato su queste pagine? Si? Allora invia tutto a redazione@fuoristrada.it

Valuta questo articolo


Comments are closed.